Spedizione Gratuita in tutta Italia!

No products in the cart.

Category Archives: Blog

COME VIENE PRODOTTA LA NOSTRA CARTA DA PARATI

Dopo anni di duro lavoro e sviluppo nel settore della decorazione, con il ritorno in voga della carta da parati e la sua molteplice versatilità nel decoro per ambienti, abbiamo iniziato a ricercare le materie prime con cui creare questo splendido prodotto.

La continua e meticolosa ricerca ci ha portati a scegliere tra alcune soluzioni di carta, tra le tante varianti di prodotto di base, quella che era più adeguata alle nostre aspettative è stata la carta da parati 100% carta di cellulosa, materiale più naturale possibile , con una finitura opaca quasi a sembrare vellutata che conferisce ad alcuni colori, in particolare a quelli scuri, un effetto importante, rispetto alle solite carte da parati è più dura e molto consistente con 130 g per metro quadro.

Dopo anni di produzione ci dobbiamo ritenere soddisfatti, ha avuto un ottimo successo tra i clienti, che ricevono così un ottimo prodotto ad un costo giusto.

Secondo passaggio per rendere la nostra carta da parati ecologica era produrre con colori senza solventi o componenti non tossici e inodore.

Dapprima abbiamo iniziato con colore latex, tecnologia ecologica (in netta sostanza sarebbe lo stesso materiale per i guanti in lattice) , inodore dove il colore viene solidificato nel macchinario ed esce già asciutto totalmente , molto resistente a lungo nel tempo.

Perseverando nella ricerca abbiamo sviluppato un nuovo sistema di produzione con colori all’acqua che penetrando nella carta si fondono e li rendono resistenti e vivaci, rendendo il processo naturale.

Ora stiamo studiando altre gamme di carta da parati anche isolanti e traspiranti con effetti e motivi impressi nella carta, come effetto tessuto e materico.

Nel frattempo continuiamo a stampare la nostra fantastica carta da parati.

COME APPLICARE LA CARTA DA PARATI SUI MURI

Con un po’ di manualità e di esperienza nel “fai da te” si possono rivestire le pareti di casa, così da avere un ambiente piacevole e personalizzato. Vi suggeriamo alcuni passaggi per fondamentali per l’applicazione della Carta da parati.

Preparare la parete stuccando eventuali imperfezioni, carteggiare una volta asciutto lo stucco in modo da avere una superficie uniforme. Su un muro non perfetto o rimesso a nuovo è consigliabile applicare del fissativo.

Segnare sul muro la larghezza del telo di carta, fare dei segni sulla parete, portare il dritto con l’aiuto del filo a piombo o della livella.

Mescolare la colla in modo omogeneo rispettando le proporzioni indicate nelle istruzioni sulla confezione. Applicare la colla sulla parete con pennello o rullo per la larghezza del telo con una piccola eccedenza, posare il primo telo, iniziando dall’angolo della parete procedendo dall’alto verso il basso. Posare il secondo telo assicurandosi di far coincidere perfettamente i lati di giuntura. Dopo aver applicato tutti i teli rifinire le parti in eccesso della carta tagliando con un cutter. Se non si è esperti nel fare lavori di casa si consiglia di consultare un tecnico.

ACCESSORI E UTENSILI PER L’APPLICAZIONE DELLA CARTA DA PARATI

Altro passaggio fondamentale sono le attrezzature e gli accessori per una corretta applicazione della carta da parati.

Come per ogni lavoro, le attrezzature necessarie allo svolgimento sono molto importanti, andiamo ora ad elencarli, abbiamo selezionato anche per ogni prodotto un link dove si possono trovare ottimi prodotti a buon prezzo.

Abbiamo bisogno di:

 

RULLO sarà utile nel caso in cui si ha bisogno di applicare il fissativo sul muro prima dell’istallazione della carta da parati.  👉   http://tidd.ly/63a9ac58

 

PENNELLO ne abbiamo bisogno per spalmare la colla sulla carta da parati ovviamente un pennello grande ci aiuterà a ricoprire in breve tempo la superficie.  👉   http://tidd.ly/1eb603ac

 

SPAZZOLA per applicare la carta da parati, spazzolando la carta da parati con una pressione adeguata ci aiuta a far aderire la carta e a togliere le bolle che si creano in fare di istallazione.

 

FORBICI per tagliare a misura i fogli di carta  👉 http://tidd.ly/961056ad

 

RIGA per segnare sul muro la larghezza dei fogli

 

LIVELLA per segnare sul muro portando un livello dritto  👉 http://tidd.ly/d650b928

 

METRO per segnare le distanze 👉 http://tidd.ly/8a75f3f7

 

PIOMBO per mettere a piombo il foglio 👉 http://tidd.ly/cfe417c8

 

TAGLIERINO ci aiuta a rifinire l’eccesso dopo l’applicazione 👉http://tidd.ly/33957062

 

SPUGNA per togliere la fuoriuscita della colla tra un foglio ed un altro nella giunzione

👉  http://tidd.ly/4e422579

 

SECCHIO per diluire la colla  👉  http://tidd.ly/e69e1d7b

 

COLLA per l’istallazione della carta da parati. 👉 http://tidd.ly/181ce453

 

In commercio ci sono dei kit già pronti dove si possono trovare gli elementi utili e necessari, ovviamente rispetto alla descrizione nell’articolo alcuni strumenti per chi è abituale del “Fai da te”sono già presenti in casa così da ridurre e ottimizzare gli strumenti di cui munirsi. Facendo una ricerca sul web si possono  trovare degli accessori di buona qualità ad un prezzo buono.

Molto importante utilizzare tutti gli accessori perché sono collegati l’uno con l’altro per avere il massimo risultato nella posa in opera e un’ottima riuscita del lavoro. Usare accessori di buona qualità aiuta a semplificare il lavoro.

PREPARARE GLI AMBIENTI PER L’APPLICAZIONE DELLA CARTA DA PARATI

Dopo aver acquistato la carta da parati si deve provvedere alla preparazione degli ambienti per la posa in opera.

Come prima cosa occorre pianificare in modo dettagliato ogni operazione per la buona riuscita del lavoro. Se l’intervento riguarda la stanza intera bisogna spostare tutti i mobili verso il centro della stanza e coprire con teli copri tutto, se l’istallazione riguarda una parete singola bisognerà sgombrare totalmente quello che c’è sulla parete interessata verso un angolo della stanza lasciando libero lo spazio necessario per operare e stendere i teli di carta. Consigliamo comunque di coprire il resto dei mobili con teli copri tutto. Togliere quadri e tutto quello che è applicato sulle pareti come orologi ecc., togliere i coperchi delle prese e degli interruttori. I termosifoni solitamente non vanno tolti perché è un lavoro complesso che deve essere fatto da un professionista, per svuotare tutto l’impianto, qualora si decide di non toglierli,  avendo un po’ di cura del dettaglio e facendo un lavoro certosino,  accostando bene la carta dietro il termosifone può essere effettuato un ottimo lavoro, se ci sono termoconvettori a corrente la rimozione è facilitata dal fatto che non hanno tubi dell’acqua.

Si consiglia di coprire il più possibile anche i pavimenti così da togliere tutto a fine lavoro avendo sporcato il meno possibile. L’applicazione può essere effettuata fai da te qualora si è esperti e pratici nel fare lavori in casa e nel fai da te seguendo le istruzioni e guardando dei video tutorial, che pubblicheremo nei prossimi articoli. Altra opzione è consultare un professionista che effettuando di questi lavori giornalmente conosce tutte le criticità e come deve essere effettuato il lavoro a regola d’arte. Sicuramente consultando un professionista serio il lavoro avrà una resa migliore in termini di durata e di perfezione del lavoro e avrà maggiore conoscenza dei materiali e saprà valutare le varianti da mettere in campo sia che si tratti di carta da parati 100% carta o tessuto non tessuto.

Riflessioni per scegliere la Carta da parati

La carta da parati è un tocco di rifinitura di pregio per le stanze della casa. Tanti sono gli stili moderni vintage alcune vere e proprie opere d’arte, di carta da parati scelti come versatile mezzo di decorazione degli ambienti.

Che si tratti di una parete o di un’intera stanza, la carta da parati è una soluzione di decorazione collaudata nel tempo.

Ci sono prodotti di carta in cellulosa, la più economica e la più diffusa, su cui si possono avere finiture lucide ed opache, non sono adatte agli ambienti come cucina e bagno dove si potrebbe generare densità di umidità.

La carta da parati in TNT è formata da una pasta di cellulosa e fibre tessili di tipo sintetico (come quelle con cui fanno le magliette che però non vengono tessute, non sono intrecciate con trama, ma messe in modo irregolare e incollate tra di loro tramite resine.

La sua invenzione ha portato soluzioni e innovazione nel mondo della tappezzeria, ha un aspetto molto naturale, sembra un vero e proprio tessuto, ed è traspirante.

Ci sono modelli che sono in linea con la tua visione per la tua casa, abbinando i mobili, i tappeti e altri tessuti per creare l’ambiente perfetto sia nei colori chiari, scuri, vivaci e dai colori accesi, in scala di grigio e nel design. Entrambi possono lavorare insieme in modo impeccabile, ma ci vuole un’attenta pianificazione. Molte persone spesso pensano che per poter scegliere la carta da parati tra arte o tradizionale si debba porre delle domande. Renderebbe la stanza troppo occupata se ci fossero troppi colori, motivi e caratteristiche? Lo sfondo è troppo similare con l’arte in primo piano? Se hai abbinato, ad esempio, un dipinto geometrico su uno sfondo di un motivo geometrico a contrasto che copre il muro, è più probabile che finisca per dare un mal di testa che una vista piacevole. Se applichi una carta da parati geometrica, una soluzione sarebbe un dipinto astratto con almeno un colore associato per unire il disegno. Se diffidate dal realizzare opere con i rivestimenti murali, scendete a compromessi e acquistate una carta da parati. E’ un ottimo modo per creare una parete particolarmente bella. Se non ti piace la carta da parati, ma adori il design così tanto!  Con un rotolo incorniciato avrai una sezione come opera d’arte! È uno dei modi migliori per catturare un particolare senza impegnarsi a tappezzare un’intera parete o l’intera stanza.

SCEGLIERE LA CARTA DA PARATI

In questo articolo vi aiutiamo attraverso semplici consigli a scegliere la carta da parati.

Come primo passaggio è importante pianificare bene come creare movimento all’interno dell’abitazione in modo tale che non sembri troppo piatta, questo si può fare tinteggiando con i colori oppure applicando carta da parati.

Ci sono diverse tipologie di carta da parati, e quello che le contraddistingue principalmente sono i materiali, essa può essere in carta , stoffa, vinile, pvc , nylon.

Ma la più versatile è quella tessuto non tessuto che non ha bisogno di eccessive manutenzioni e può contenere cotone, lino, seta, Bambù.

Sono molto versatili e si adattano bene ai vari ambienti della casa con una varietà infinita di motivi e immagini, inoltre sono di facile istallazione.

Altro passaggio fondamentale è la scelta dei colori, consigliamo di scegliere colori che si abbinano al contesto dello stile della casa, dell’arredamento, e del pavimento in modo tale da creare nel complesso un abbinamento collegato nell’insieme.

Qui ci sono tra le varie soluzioni, mantenere un tono su tono, così da avere uno stacco morbido tra un elemento d’arredo e l’altro. Decidere di staccare su una parete con un’immagine di un paesaggio cercando di creare una profondità oltre il muro, come se la stanza continua in un contesto diverso come un prato o come vedere da una vetrata un paesaggio. Un motivo come ad esempio un’immagine come un quadro, un’immagine stilizzata o un’immagine che integrata al contesto lascia una leggera sensazione di piacevolezza all’occhio.

Come nasce la produzione della Carta da parati

Nel 1675, il mondo della carta da parati subì un grande cambiamento quando un ingegnere francese, iniziò a realizzare disegni a blocchi intagliati a mano con motivi coordinati. Ci sono state altre due ulteriori innovazioni che hanno migliorato il processo di produzione di carta da parati.

Nel 1785, un imprenditore francese e un imprenditore tedesco introdussero una nuova macchina in grado di stampare tinte colorate su fogli di carta per un formato di carta da parati.

Nel 1799, un uomo di nome Louis-Nicolas Roberts costruì una macchina in grado di produrre fogli continui di carta da parati con disegni quelli che hanno familiarità con una macchina dovrebbero sapere che l’invenzione di Roberts ha spianato la strada.

Nel 1856, fu raggiunto un altro punto importante, l’invenzione del colorante all’anilina, che sostituì l’uso di arsenico o piombo bianco nella creazione di carta da parati. Non solo la tintura all’anilina ha reso il processo di produzione molto più economico, ma ha anche rimosso i rischi per la salute associati all’arsenico e al piombo bianco, che avevano avuto un impatto sui lavoratori del settore per anni. Questa scoperta ha accelerato il processo di fabbricazione della carta da parati.

Nel 20 ° secolo, o periodo in cui consideriamo principalmente la carta da parati “moderna”, è una necessità virtuale in ogni casa, spesso caratterizzata da audaci motivi floreali e colori retrò. I designer hanno iniziato a mettere il loro timbro sulla carta da parati, compresi i designer di lusso che avrebbero creato i loro marchi unici di carta da parati – molti di questi esistono ancora oggi. Oggi, la carta da parati ha lo scopo di definire l’atmosfera e la combinazione di colori di tutta la tua casa. Può creare un ambiente e una trama, sia che tu stia usando uno sfondo di design per un’area di alta qualità o uno sfondo per bambini per la camera del tuo bambino.

 Le moderne tecnologie e tendenze cambiano regolarmente, quindi è importante collaborare con esperti che tengono traccia di questi sviluppi e ti terranno aggiornato su tutto ciò che devi sapere.

DOVE NASCE LA CARTA DA PARATI

Vi illustriamo la storia della carta da parati, e l’invenzione della carta stessa. La maggior parte degli storici dipinge l’origine della carta intorno all’era del 100 a.C., dove si diceva che fosse stata inventata da un funzionario del tribunale cinese usando una miscela di fibre di bambù, lino e canapa. La carta fu usata per alcuni scopi da queste prime civiltà orientali. Ci sono documenti di culture cinesi con  carta di riso decorata con disegni che risalgono addirittura ai tempi, e che alcuni potrebbero considerare la nascita di ciò che potremmo definire carta da parati.

 

La prima applicazione europea della carta da parati è avvenuta sotto forma di tessuti, pelle dorata e vari arazzi in legno o seta. La carta era considerata un’alternativa più economica,  iniziò ad essere usata intorno al 13 ° secolo. Verso la metà del 1400, la carta da parati dipinta diventa popolare nei circoli reali.

Durante questo periodo, la maggior parte dei disegni di carta da parati utilizzati imiterebbe i disegni di tessuti popolari. Hanno usato modelli a blocchi e applicazioni manuali a colori, che hanno richiesto molto tempo. Per questo motivo, la prima carta da parati europea era in gran parte riservata alle famiglie benestanti o alla famiglia reale.

 

Entro la metà del 1600, tuttavia, la carta da parati divenne più economica e iniziò a crescere in popolarità tra le masse. All’inizio del 1700, era diventato così popolare che nel 1712 fu introdotta una tassa sulla carta da parati durante il regno Britannico. Ciò doveva riflettere il fatto che la Gran Bretagna era diventata il leader mondiale nella produzione di carta da parati e la tassa sarebbe rimasta in vigore per oltre 100 anni prima di essere definitivamente revocata nel 1856.

Esamineremo in seguito i primi metodi di produzione di carta da parati che sono nati durante questo stesso periodo, oltre a come il mondo della carta da parati si è evoluto fino ai nostri giorni.

Pellicole per Vetrofanie per Negozi ed Uffici

Spesso quando passiamo davanti la vetrina di un negozio restiamo ad ammirare non solo il contenuto che vi si cela dietro, ma anche la bellezza delle pellicole che la decorano. Quando invece entriamo in un ufficio ci siamo mai chiesti perché troviamo delle pellicole geometriche applicate sulle porte o sulle finestre?. Ecco quindi che oggi vogliamo parlarvi delle vetrofanie e delle loro possibili funzioni, soffermandoci sulla loro applicazione. Continue reading…

Pellicole Adesive Personalizzabili

Oggi vogliamo parlarvi di uno dei nostri prodotti di punta: le pellicole adesive e cercare di fare luce su possibili dubbi o curiosità dei nostri clienti. Partiamo nel dire che un errore che viene spesso commesso dai non addetti ai lavori è pensare che esista una solo tipologia di questo prodotto. Niente di più inesatto, in quanto le pellicole sono varie e vengono utilizzate su diverse superfici e con diverse finalità. Così come le applicazioni, che sono differenti e più o meno adatte a diverse pellicole. Continue reading…

Tags: